header image
 

Biopirateria: l?assalto alla natura

di Romina Arena - Terranauta.it

Prosegui la lettura ‘Biopirateria: l?assalto alla natura’

l’Australia è il Paese con le maggiori riserve di uranio del mondo e dice no al nucleare…


Il governo dell’Australia dice no al nucleare

australia no nuke

 

Prosegui la lettura ‘l’Australia è il Paese con le maggiori riserve di uranio del mondo e dice no al nucleare…’

Non Grandi Opere ma cura del territorio

di Marco Cedolin – Il Corrosivo – 5 Ottobre 2009

Prosegui la lettura ‘Non Grandi Opere ma cura del territorio’

Sindaci imprenditori

di Giorgio Todde 2 Ottobre 2009

Prosegui la lettura ‘Sindaci imprenditori’

L’Abruzzo si risveglia incredulo, ma anche la Sardegna è abbastanza basita

di Michela Murgia 2 Ottobre 2009

Prosegui la lettura ‘L’Abruzzo si risveglia incredulo, ma anche la Sardegna è abbastanza basita’

Piano per l’edilizia: Sardegna cementificata per quattro soldi. Dibattito.

Cagliari, venerdi 2 ottobre 2009, ore 17.00, Caesar’s Hotel, Via Darwin

Interventi introduttivi di Claudia Zuncheddu (consigliere regionale RossoMori), Stefano Deliperi (presidente del Gruppo d’Intervento Giuridico), Giorgio Todde (scrittore) e Sebastiano Bitti (presidente regionale dell’I.N.U.)

Prosegui la lettura ‘Piano per l’edilizia: Sardegna cementificata per quattro soldi. Dibattito.’

Una Fattoria per il futuro

Rebecca Hosking, nota documentarista naturalista inglese, affronta il tema della dipendenza dagli idrocarburi fossili delle filiere agro-industriali contemporanee.

Video di grande impatto, narra in forma autobiografica il percorso della stessa autrice alla ricerca di un nuovo modello produttivo della sua fattoria alla luce dell’imminenza del picco del petrolio.

Prosegui la lettura ‘Una Fattoria per il futuro’

Navi affondate in Calabria

FOTTUTI

Prosegui la lettura ‘Navi affondate in Calabria’

Cile: La privatizzazione del mare

di Gustavo Duch
Fonte :
Voci Dalla Strada
Prima della creazione della Organizzazione Mondiale del Commercio o dei trattati sul libero commercio, già si contava su uno strumento fantastico per arricchirsi alle spalle delle risorse naturali e dei beni di uso pubblico dei paesi del Sud: le mono coltivazioni. Con esse si poteva estrarre il massimo profitto economico tanto dagli ecosistemi come dai lavoratori locali. Questa è stata la strada per il dominio e la dipendenza durante l’epoca coloniale. Lì ci sono i cicli dorati- e le sue rispettive cadute strepitose- della canna da zucchero, il caffè o il caucciù, sommati adesso a milioni di ettari destinati alla coltivazione della palma di olio o di soia.

Ma tra le mono coltivazioni industriali emergenti, figlie del nuovo colonialismo del mercato, ne esiste uno a base di pesce carnivoro introdotto nelle acque incontaminate del sud del pianeta: la monocoltura intensiva di salmoni nel sud del Cile, la cui produzione nel 98% ha come destinazione i mercati del Giappone, Stati Uniti e UE. Questa industria è cresciuta fino a raggiungere i 2.400 milioni di dollari nel 2008, portando il Cile ad essere il secondo produttore dopo la Norvegia. Però, in meno di due anni, l’ipotetico miracolo del salmone ha mostrato tutta la sua fragilità. Più di 17.000 lavoratori sono stati licenziati, solo il 20% dei 550 centri di coltivazione continuano ad essere operativi, le produzioni sono calate di un 60% e l’ industria accumula un debito con le banche che supera i 1.600 milioni di dollari. Cosa ha fatto fallire questo miraggio del falso sviluppo? Qualcosa di sottile come il virus dell’ Anemia Infettiva del Salmone.

Con una presenza significativa delle multinazionali norvegesi, giapponesi e spagnole (Pescanova), i pregiati e sconosciuti fiordi, baie e canali interni tra l’arcipelago di Chiloè e la Patagonia cilena si trovano attestati di gabbie circolari di 30 metri per 60 di profondità dove si ingrassano i salmoni. Un sistema di monocoltura intensiva, con alti costi ecologici e sociali, esternalizzati, e miliardi di dollari di profitti privati. Come dice il mio amico e collega veterinario Juan Carlos Cardenas, direttore della ONG Ecoceani, "nel sud del Cile le multinazionali del salmone fanno tutto quello che non gli è concesso nei loro paesi". Cardenas spiega che il Cile rappresenta per l’industria del salmone straordinari vantaggi comparati al nord Europa. Sia negli aspetti ambientali, come nelle politiche governative d’incentivi all’investimento estero. Questo, assicura l’accesso a fonti di farina e olio di pesce, mano d’opera a basso costo, sussidi ed una legislazione ambientale e sanitaria abbastanza debole. Crescere salmoni come se stesero in barattoli di sardine è l’equivalente a porcili flottanti o l’allevamento industrializzato di galline.

Si trovano così insaccati che, per le stesse fonti del servizio Nazionale della Pesca, rispetto alla produzione di salmoni prodotti in Norvegia l’industria ha usato 600 volte in più antibiotici per tonnellata. Preoccupano anche i salmoni, che impauriti per il loro futuro, riescono a fuggire dalle loro prigioni minacciando la sopravvivenza di varie specie autoctone di pesci e, quindi, la pesca artigianale. Pesca che, dall’altra parte, si è ridotta molto, dato che per alimentare i salmoni a domicilio si usano tracuri, acciughe e sardine. Per produrre un chilo di salmone in confinamento si necessita tra cinque e otto chili di queste specie di pesci silvestri abituali nella dieta umana. Un disastro a livello energetico, un disastro per migliaia di pescatori su piccola scala. Se state pensando che loro almeno potranno pescare i salmoni fuggiti, vi sbagliate. Nel sud del Cile è proibito pescare e vendere i salmoni che si trovano nel mare, perché continuano ad essere proprietà delle multinazionali di salmone prima citate.
Salmoni con codice a barre?

Perché il piatto di salmone costi così poco lo stesso sarà costato il personale che lavora in mare e nelle piante di lavoro. Raul Zibechi, dell’ organizzazione Programa de las Américas, scrive sulle cattive condizioni di lavoro delle 50.000 persone impiegate nel settore: "Due terzi delle aziende del salmone violano la legislazione lavorativa. Le donne, che costituiscono il 70% dei lavoratori del settore e l’80% in pianta stabile, soffrono il freddo, l’umidità, il sovraffollamento e ostacoli per andare in bagno". Dicevo che la mono coltivazione del salmone è molto significativa, perché, con qualche anno d’anticipo, sta attraversando delle fasi che adesso ci sembrano di routine. Nel 2007, prima della crisi finanziaria mondiale, è arrivata la crisi al settore per l’entrata del virus nei centri di produzione e poco dopo il governo cileno si è lanciato nel riscatto dell’industria del salmone attraverso due vie: la consegna senza condizioni di una linea di credito e una polemica modifica della Legge di Pesca e Acquicoltura per permettere la cessione perpetua dei diritti sul litorale alle compagnie dei salmoni ( incluse le multinazionali), permettendo che le compagnie debitrici potessero ipotecare con la banca creditizia le concessioni di acquicoltura. Cioè, beni nazionali di uso pubblico con i quali le banche potranno speculare, comprare e vendere. Le banche principali creditizi sono la BBVA, Rabobank e Itaù. In altre parole, si privatizza una risorsa pubblica, si privatizza il mare. Un’ altra monocoltivazione in rapido declino.

Gustavo Duch è ex direttore di Veterinari Senza Frontiere e collaboratore dell’Università Rurale Paulo Freire.

Fonte: http://blogs.publico.es/dominiopublico/1552/la-privatizacion-del-mar/

Tradotto per Voci Dalla Strada da Vanesa

Prosegui la lettura ‘Cile: La privatizzazione del mare’

Clandestino Day


Africadegna, Aifo, Amici di Sardegna, Amici di Viviana, Amici Senza Confini, Cagliari Social Forum, Comunità La Collina, Co.Sa.S., Emergency, Gno’Nu, Los Quinchos, Luna D’Oriente, Mani Tese, Oscar Romero aps, Parada Italia,

Rete Radié Resch, Sardegna Palestina, Save The Children

su proposta del settimanale CARTA, aderiscono, organizzandolo, e

Prosegui la lettura ‘Clandestino Day’

Giornate Europee del Patrimonio: appuntamenti in Sardegna

GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO

Prosegui la lettura ‘Giornate Europee del Patrimonio: appuntamenti in Sardegna’

Stop a Cala Giunco Ora è più difficile il via libera al piano casa

di Mauro Lissia – La Nuova Sardegna – 15 Settembre 2009
Fonte:
Rassegna stampa Provincia Nuoro
I giudici sottolineano il valore della legge salvacoste voluta da Renato Soru

CAGLIARI. La legge salvacoste elaborata a novembre del 2004 dall’amministrazione Soru è «di particolare rigore, ma trova piena giustificazione nell’esigenza di salvaguardare un paesaggio di incomparabile bellezza, che ha già subìto attentati a causa della propensione italica ad un’edificazione indiscriminata». Lo scrivono i giudici del Consiglio di Stato che il 7 luglio scorso hanno bocciato definitivamente il progetto della società ‘Cala Giunco srl’. E’ un duro colpo quello inferto al costruttore-editore Sergio Zuncheddu.

Prosegui la lettura ‘Stop a Cala Giunco Ora è più difficile il via libera al piano casa’

L’acqua del rubinetto? Buona e sicura.

14/09/2009Indagine di Altroconsumo: calcio e sodio a livelli minimi, esiti positivi per tutti i parametri

Prosegui la lettura ‘L’acqua del rubinetto? Buona e sicura.’

Stampa libera in libera censura

di Marco Cedolin – Il Corrosivo – 11 Settembre 2009

Prosegui la lettura ‘Stampa libera in libera censura’

Le risorse di uranio. Cronaca di una notte di mezza estate

di Terenzio Longobardi – Aspo-Italia - 9 Settembre 2009

Prosegui la lettura ‘Le risorse di uranio. Cronaca di una notte di mezza estate’

Le verità nascoste dei nostri prodotti alimentari.

Prosegui la lettura ‘Le verità nascoste dei nostri prodotti alimentari.’

Una nuova primavera ! Economie dal basso


 da Icebergfinanza, Andrea Mazzalai, 5 Settembre 2009 

 

Mentre ai piani alti del pensiero politico ed economico si continua a proporre le stesse ricette e gli stessi strumenti del passato per cercare di domare definitivamente il ciclone che si è abbattuto sull’economia mondiale ed in particolare sulle vite di milioni e milioni di esserei umani, altri sono i sentieri e le rotte che le visioni alternative, portano ad osservare e proporre per migliorare le strutture economiche di un sistema che sta dimostrando ormai tutta la sua vetustà, la vetustà di un edificio che si cerca di puntellare, piuttosto che ristrutturare.

Prosegui la lettura ‘Una nuova primavera ! Economie dal basso’

Tritoni e droni. Per Quirra non c’è pace


Quirra, l’aeroporto che distrugge le grotte

1 Settembre 2009

Prosegui la lettura ‘Tritoni e droni. Per Quirra non c’è pace’

La bolla di cemento. Complici locali.

Autore: Salzano, Edoardo
Fonte: www.Eddyburg.it 

Prosegui la lettura ‘La bolla di cemento. Complici locali.’

Un’altro motivo per decrescere

Fao: l’Europa mangia troppo. ”Una sola Terra non basta piu”’

Prosegui la lettura ‘Un’altro motivo per decrescere’